IMOLA, GARA 1. LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI DOPO LA PRIMA GARA DEL TERZO ROUND DI CAMPIONATO IT



Al termine di una gara tiratissima, dove Ivan Bellarosa ha siglato il suo ritorno alla vittoria tricolore dopo un duello fino al traguardo con Davide Uboldi, i protagonisti raccontano le loro impressioni in un podio espressione di tre marchi differenti. "È la prima vittoria della Wolf GB08 Peugeot - ha dichiarato con grande soddisfazione Ivan Bellarosa, in basso ritratto mentre mostra con orgoglio il disegno realizzato dal figlio - È un progetto nuovissimo che porta tanti problemi sui quali dobbiamo lavorare. Ma l'obiettivo di Wolf Racing Cars, che ricordo è l'azienda di mio padre Giovanni e mio fratello Maurizio, è quello di creare entro fine anno una nuova vettura. Manderà in pensione l'attuale GB08 che comunque anche oggi ha dimostrato di essere la più veloce del lotto. Siamo molto felici di aver iniziato nell'Italiano e di essere tornati dopo due anni. Ci auguriamo che presto possa tornare ad avere uno schieramento ricco. Ci sono personaggi straordinari come Ranieri Randaccio, giovani come Eugenio Pisani, ma sono convinto che presto seguiranno tanti altri". "Sono davvero contento - ha commentato Davide Uboldi che con la Ligier di Eurointernational è sempre più in testa alla classifica assoluta - ho fatto un'ottima gara e soprattutto ho guadagnato punti importanti in ottica di campionato. Sono arrivato in scia ad una machina sovralimentata, quindi meglio di così non poteva andare. Sono felice". "La macchina è nuova ed è nuova per me - ha commentato Ranieri Randaccio, rientrato da Imola nella classe CN2 con la Norma M20 FC 2016 della SCI Siamo in fase di rodaggio, anche se davanti ho tre leoni e se mi sono davanti è anche giusto. Dobbiamo recuperare ed adesso ci mettiamo al lavorare sodo. La macchina è nuovissima e va molto bene. C'è solo da individuare il setting ideale tra pilota e vettura. Per il resto una bellissima gara". "Purtroppo sembra che debba capitare sempre qualcosa - ha dichiarato amareggiato Walter Margelli che ha dovuto chiudere la gara in difesa al volante della Norma M20 FC di Nannini Racing - Abbiamo avuto problemi di alimentazione e non riuscivamo ad andare come potevamo. Poi sono dovuto rientrare ai box per un problema all'acceleratore che restava aperto. Peccato, perché sono convinto che avremmo potuto essere assolutamente in scia al duo di testa". L'appuntamento è ora alle 14.40 con gara 2, sempre sulla distanza di 25 minuti + 1 giro ed in diretta TV su AutomotoTV (SKY148) e web su www.acisportitalia.it.


News: www.acisportitalia.it

© Copyright 2019 Scuderia del Lario. All rights reserved. | P.IVA 02372380135

Powered by renatogaggio.com

  • Facebook Clean